30 jul. 2010

Memento prohibere semper. Dell’erosione degli spazi del dibattito pubblico e del disconoscimento dei diritti delle minoranze ad opera del politicamente corretto: stavolta è toccato alle corride. La prossima?
Il modello editoriale del futuro/39. Aria di celebrazione tra i compagni del Post

28 jul. 2010

Radical-fascio. Quello di prima è un pezzo che trovate sul Foglio ma non leggerete mai sul Post. A voi le riflessioni del caso.
Update. Sul Post, puntualissimo, l’editoriale anti-Langone di Flavia Perina. Da ridere.
Fascio. Camillo Langone ci ricorda quale sia l’ambiente intellettuale della destra post-fascista italiana tra XX e XXI secolo. 

27 jul. 2010

Juden. Giulio Meotti ci ricorda quale sia l’ambiente intellettuale in Europa all’inizio del XXI secolo.

23 jul. 2010

Due popoli, due Guinness. Ma non erano tutti denutriti?

22 jul. 2010

Il modello editoriale del futuro/38. Ma tra inventarsi le interviste alla Debenedetti e copiare gli articoli alla Sofri, secondo voi, cosa si avvicina di più al concetto di giornalismo?

21 jul. 2010

Due popoli, due supermercati. I tremendi risultati del blocco israeliano a Gaza.
La fine del sogno cinese? Pare che qualcuno si stia lentamente risvegliando.
I dissociati. Era solo in questione il quando, ma non il che né il come. E’ già arrivata l’immancabile lettera della docente scandalizzata dalla cerimonia di laurea della figlia del premier. E’ sciocca e banale, come solo un documento scritto da un accademico irregimentato può essere. L’intelligentsia agisce ormai in base ad un prevedibile meccanismo di azione-reazione, un riflesso condizionato che fa sbavare i soloni appena sentono quel nome. Fate ridere assai.

15 jul. 2010

Il pregiudizio anti-religioso/3. Nel tentativo di eliminare l’elemento religioso dalla categoria dei fenomeni sociali, i laicisti finiscono per cadere nell’eccesso opposto, quello di sopravvalutare l’influenza che la religione esercita sugli individui, sulle comunità e sulle istituzioni. Questa tendenza va oltre la condanna della religione cattolica (che, come si è visto, dipende nella maggior parte dei casi da riflessi condizionati anti-capitalisti e anti-occidentali) e si estende ad altre religioni storiche, principalmente all’ebraismo e all’Islam. La stessa lettura delle vicende geopolitiche internazionali ne esce falsata. E’ frequente ad esempio, nell’interpretazione degli avvenimenti in medioriente, cadere nella semplificazione secondo cui il decennale scontro tra Israele e i suoi vicini rientrerebbe nella casistica della lotta fra integralismi religiosi uguali e contrari. Di nuovo, la religione come causa di tutti i mali. Questa visione ha il grande merito, agli occhi dei suoi fautori, di risparmiare l’analisi delle dinamiche politiche e sociali interne ai paesi coinvolti e di evitare paragoni che potrebbero risultare non in linea con i dogmi del politicamente corretto. Se faccio notare che Israele è una democrazia nella quale vivono centinaia di migliaia di cittadini di origine araba mentre i suoi vicini sono generalmente dittature nel cui territorio non posso nemmeno mettere piede se sul mio passaporto c’è un timbro israeliano, normalmente verrò accusato di imperialismo e sionismo. Ma se accomuno in un’unica censura il fanatismo religioso dei rabbini con le invocazioni filo-terroriste degli imam, allora ho qualche possibilità di essere ascoltato e preso sul serio. Prendiamo poi il caso della (defunta) strategia americana di diffusione della democrazia in medioriente. Ci sono diversi modi di rifiutarne metodi e finalità: dire che è tutta una montatura per coprire interessi geo-strategici ed economici, tacciarla di imperialismo e di militarismo, presentarla come una nuova crociata e così via. Ma esiste anche forma più subdola di denigrazione, quella che fa leva sull’irriformabilità dell’Islam, sull’impossibilità per le società musulmane di raggiungere livelli di sviluppo politico e sociale paragonabili a quelli occidentali. E’ inutile tentare di democratizzare paesi condannati per l’eternità al medioevo islamico. Ancora una volta, non sarebbe la struttura autocratica e illiberale delle società coinvolte a impedirne l’affrancamento, ma il peso della religione sulla vita dei cittadini. Non varrebbe la pena, in sostanza, cercare di aprire al mondo popoli soggetti alla dittatura e alla repressione, in quanto l’elemento religioso finirebbe sempre per prevalere, impedendo qualsiasi evoluzione. Pensiero consolante e vagamente razzista. Pensiero che assegna alla religione un ruolo totalizzante e ai principi della democrazia liberale una funzione del tutto marginale. Pensiero proprio di chi non crede che l’individuo possa trasformarsi nel motore del cambiamento. Se l’Islam è il problema maggiore, la tirannia, le camere di tortura, l’assenza delle libertà fondamentali diventano automaticamente questioni secondarie. Non ha senso scomodarsi per aprire società chiuse se alla fine la chiusura dipende dalla religione e non dalle ideologie totalitarie che ne determinano la radicalizzazione. In questa inversione delle responsabilità sta l’ennesima manipolazione su cui il pregiudizio anti-religioso fonda la sua presunta legittimità. Come ogni forma di discriminazione ha bisogno di presentare l’oggetto della sua disapprovazione in forma caricaturale, per guadagnare appoggio e visibilità. Ma, al contrario di altre forme di discriminazione, gode di un consenso sociale generalizzato e aumenta progressivamente i suoi adepti. Insieme al politicamente corretto, di cui è manifestazione preminente, sarà probabilmente ricordato tra qualche decennio come un esempio paradigmatico dell’impazzimento ideologico che ha caratterizzato la società occidentale tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo (fine).

12 jul. 2010

Dietro a un pallone/25. Rendersi immortali è un gioco.

"Arte es el instante inmenso en que zozobra toda norma"



9 jul. 2010

Il modello editoriale del futuro/38. Pensavo che oggi scioperassero solo i giornalisti.

8 jul. 2010

L’elemosina dei dittatori. Il mood a Cuba è che una cinquantina di prigioneri politici verranno scarcerati. Ma si tratta di espulsioni, non di liberazioni. Ne rimangono in cella oltre un centinaio, più quelli che non si conoscono. Ma un intero paese è in gabbia (turisti a parte).

7 jul. 2010

Dietro a un pallone/24. Troppo belli.

"Tiene el mundo otra cara. Se acerca lo remoto
en una muchedumbre de bocas y de brazos"

5 jul. 2010

Il pregiudizio anti-religioso. Se formalmente viviamo in una società che dichiara di lottare contro ogni pregiudizio e discriminazione e che sul principio di eguaglianza fonda gran parte della sua stessa legittimità, è evidente come nella realtà diverse forme di pregiudizio o discriminazione vengano accettate e promosse. Pensiamo alla differenza di età pensionabile tra uomini e donne, per fare solo un esempio banale, che non si fonda su nessuna considerazione razionale ma su un semplice pregiudizio positivo. E infatti basta parlare di discriminazioni positive perché tutto vada a posto, dal momento che la neolingua del politicamente corretto calma le nostre coscienze e ci fa sentire bene. I casi sono molteplici, guardatevi attorno. Arrivo al punto. Io sono credente ma non religioso nel senso classico del termine. Vivo in un paese e soprattutto in una regione - Spagna, Catalogna - in cui la dittatura del politicamente corretto raggiunge vette spesso grottesche, a causa del dominio ideologico della sinistra. E credo non sia una casualità che, in questo tipo di società, il pregiudizio anti-religioso sia il sentimento dominante soprattutto tra la popolazione giovane, cresciuta a pane e progresismo. Questo pregiudizio rivela tutta la sua (in)consistenza soprattutto nei confronti della religione cattolica, sotto il fuoco incrociato del governo socialista e dei gruppi di pressione alla moda, collettivi gay, gioventù izquierdistas e independentistas, cantautori e artisti del buen rollito. Ma se passiamo la frontiera il paesaggio è abbastanza simile. Penso di poter affermare che, nell’occidente del XXI secolo, il pregiudizio anti-religioso sia la forma di discriminazione più radicata e incoraggiata. Tu sei religioso, devi essere un primitivo. Tu credi in Dio, non puoi interpretare le dinamiche sociali con la mente aperta. Tu hai fatto le scuole cattoliche, sarai un mezzo facha. Tu vai a messa la domenica, la tua lettura degli avvenimenti sarà certamente distorta. Non solo chi manifesta sentimenti religiosi viene considerato una specie di insetto raro ma si cerca di prevenire la contaminazione del pensiero laico con vere e proprie campagne anti-religiose, mentre chi alimenta e nutre questo pregiudizio rappresenta la modernità, la razionalità, e sfoggia il suo senso di appartenenza all’élite intellettuale della società. Tutto questo, oggi, sembra del tutto naturale, in quanto la retorica dell’eguaglianza e della non-discriminazione (perversione delle buone intenzioni originarie) ha creato un clima di linciaggio morale (e, spesso, non solo) nei confronti di chiunque si discosti dalla linea di pensiero ufficiale. L’ultima ideologia occidentale, il politicamente corretto, chiude il dibattito su dogmi considerati a priori intoccabili, siano essi il cambio climatico, o la prevalenza del pensiero laico e scientifico su quello religioso. Censura le idee contrarie alla realtà desiderata (non a quella oggettiva, che non esiste più) e applica una delle più subdole forme di discriminazione che si possano osservare: quella in nome del progresso e dei deboli (o presunti tali) contro le forze che si oppongono alla inesorabile marcia del bene. Tra queste la religione, non solo nelle sue forme di assimilazione con il potere, ma anche come concetto a se stante, come manifestazione pubblica (e perfino privata) di un sentimento collettivo (e individuale). La superiorità del non-religioso sul religioso è ormai un fatto compiuto e indiscutibile. L’ultima ideologia occidentale, frutto del delirio di onnipotenza del progressismo illuminato, elimina Dio dalla storia e dalla vita degli individui. Il pregiudizio anti-religioso è la frontiera più estrema del politicamente corretto che, per trionfare, ha bisogno di abbattere qualsiasi ostacolo (continua).

4 jul. 2010

Spagna, lo sport ti fa bella.

Dietro a un pallone/23. Un boato.

"Entonces en un salto
de fuego, sangre, dientes,
de un zarpazo derribo
tu pecho, tus caderas"

Dietro a un pallone/22. Per me, il miglior giocatore del Mondiale.

"Allento finalmente
le tue metalliche redini,
e tu con voluttà ti slanci
nell'Infinito liberatore!"

Dietro a un pallone/21. Devi farne di strada bimbo.

"Barrilete cósmico, de que planeta viniste?"

3 jul. 2010

Dietro a un pallone/20. Il più grande spettacolo del mondo.

"It is not enough to have this globe, or a certain time
I will have thousands of globes, and all time"