16 nov. 2012

I sommersi e il salvato (chi ha detto Bengasi?). Mi chiedo solo cosa sarebbe successo, a livello di media e di opinione pubblica internazionale, se al posto di Obama ci fosse stato qualsiasi presidente repubblicano in lizza per la rielezione.

8 nov. 2012

Contenti voi/2. Io non so perché scriviate tanto. Se schierate un moderato di centro contro uno di estrema sinistra, vince il moderato di centro. Se schierate un moderato di centro contro un moderato di sinistra intelligente, vince il moderato di sinistra intelligente. Se schierate un estremista di destra contro un moderato di sinistra anche stupido, vince il moderato di sinistra anche stupido. Se schierate due estremisti uno contro l'altro, perdono tutti. E così via.

7 nov. 2012

Contenti voi. Condivisibile il commento di Federico Punzi sulla riconferma di Obama, salvo per un aspetto: il candidato repubblicano centrista, moderato, quasi fusionista, serve solo a perdere bene contro un liberal dalle caratteristiche simili, mai a vincere. L'ansia da moderazione che ha investito i supporters di Romney nell'ultimo periodo ha di fatto garantito la riconsegna dell'America al suo avversario. Se ti trovi davanti un democratico scaltro e col vento della stampa in poppa e rinunci a galvanizzare le folle, arrivi secondo.