16 oct. 2012

I lungimiranti. Mettendo a posto gli archivi del blog, ancora semivuoti dopo l'emigrazione da Splinder, sono inciampato su alcuni post che segnalavano l'amore dei radicali per il liberale Zapatero. Era il 2006, dall'insediamento erano passati già due anni, e dai megafoni pannelliani si alzavano lodi sperticate per il presidente del governo spagnolo, innalzato alla categoria di statista e incluso nel famoso slogan Blair-Fortuna-Zapatero, il cui senso sfugge ancora oggi ai più. Un po' come la storia dell'esilio di Saddam. Roba da chiudere Radio Radicale e buttare le chiavi nel Tiberis.

No hay comentarios:

Publicar un comentario