18 oct. 2011

Fotogrammi per un crimine di stato. Non so se sia proprio questo il momento esatto in cui gli sbirri dei Castro hanno assassinato Laura Pollán. Non so se sia stata questa unghiata, qualche morso o una dose iniettata in ospedale. Fatto sta che la morte della Dama de Blanco era stata da tempo predetta dai matones del governo e dalla propaganda di regime. In ogni caso questo è il clima in cui vivono a Cuba gli oppositori. Questa è la vita da topi per cui nessuno si indigna.
La domanda è: quanto tempo passerà prima che una testata giornalistica occidentale si occupi di questa storia? Quanto prima che la vicenda venga trattata come un omicidio perpetrato dal governo cubano? Lo sanno tutti a Cuba che l'hanno ammazzata. Solo che là non si può dire, qua invece sì.

No hay comentarios:

Publicar un comentario