28 ago. 2011

Incompatibile. Esco di casa, tardi. Domenica mattina, edificio di fronte, una finestra aperta al primo piano, una ragazza bionda e il suo violino. Per un momento mi sembra un paese normale, non la gabbia di cani rabbiosi in cui l’hanno convertito.

No hay comentarios:

Publicar un comentario