18 oct. 2013

L'oftalmologo. Dal balletto di minacce senza conseguenze e ritirate diplomatiche delle ipopotenze occidentali, Assad è uscito rafforzato e sicuro di sé. Si permette di scherzare sul Nobel e sa che la Siria sarà sua ancora per molto tempo, grazie ai centoquindicimila morti e all'uso delle armi chimiche sulla popolazione. La morale di questa incredibile e triste storia è che la strage di massa paga, dieci anni dopo la fine di Saddam Hussein. Ma Bush era un criminale di guerra, Obama il genio della pace. Nulla di nuovo, in fondo.

No hay comentarios:

Publicar un comentario