31 jul. 2012

Michael Phelps.



Diciannove medaglie olimpiche (Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012). Son cose che uno racconta ai nipoti.
Oltre al suo, finora questa Olimpiade porta i nomi di Ruta Meilutyte e di Gabrielle Douglas. Se quest'ultima non sapete chi è, riguardatevi stanotte il concorso femminile a squadre di ginnastica artistica, per me la gara regina dei Giochi. Poi c'è Ye Shiwen, innocente fino a prova contraria. I nordcoreani hanno vinto due ori, a loro rischio e pericolo. Le rumene sono sempre le più belle. La pallamano si decide all'ultimo minuto, dev'essere il regolamento. Nel badminton bisogna picchiare forte, se no non va giù. Tutti quei cenotes prima o poi dovevano servire a qualcosa (i messicani si tuffano piuttosto bene). Primavere arabe nel fioretto e nel basket (la Tunisia a un certo punto era a meno cinque dagli USA): ovviamente poi è arrivata la controrivoluzione.

No hay comentarios:

Publicar un comentario